Oviedo

Poco nota ai turisti italiani, Oviedo, capitale delle Asturie, è un'affascinante città ricca di storia e cultura dove un bicchiere di sidro è d'obbligo!

Oviedo è l’affascinante capitale delle Asturie, una regione della Spagna settentrionale spesso snobbata dai turisti italiani. È proprio il caso di dire “non sanno quel che si perdono”: l’intera regione è una gemma da scoprire, ricca di bellezze culturali e paesaggistiche, con montagne che superano addirittura i duemila metri!

Oviedo è il cuore spirituale della regione per il suo ruolo-chiave nell’istituzione del cammino di Santiago: da qui parte il Cammino Primitivo, il primo itinerario Giacobeo di cui si hanno informazioni. Si tratta di un itinerario a piedi di oltre 300 km che ricalca il percorso seguito dal re Alfonso II nel IX secolo per giungere alla tomba dell’apostolo Santiago, che fu scoperta durante il suo regno.

Prima di mettervi in cammino verso Santiago, o partire in auto verso altre mete della Spagna settentrionale, fermatevi a visitare questo vivace città dove convivono felicemente edifici pre-romanici e moderne sculture all’aperto, quartieri storici e affollate zone commerciali.

Quando arriva il momento di una pausa cercate una delle leggendarie chigres (sidrerie) della città, dove potrete assistere al rito magico, anche se un po’ bizzarro, della mescita del sidro, la bevanda asturiana per eccellenza.

Cosa vedere a Oviedo

Il centro di Oviedo si gira facilmente a piedi, grazie alle sue piccole dimensioni e alla presenza di numerose vie pedonali. Passeggiando per la città vi imbatterete in eleganti palazzi ottocenteschi, chiese ed edifici pre-romanici, vivaci mercatini ed opere d’arte e di architettura contemporanee: è un mix affascinante, da esplorare secondo il vostro ritmo.

Ecco le attrazioni di Oviedo da non perdere.

Catedral de San Salvador

La Cattedrale di Oviedo, con la sua splendida torre gotica, è il monumento-simbolo della città: si tratta di un edificio religioso dalla storia millenaria che ha rivestito un ruolo primario nella cristianità spagnola del Medioevo.

Il nucleo originario della chiesa è la Cámara Santa, un cappella pre-romanica costruita nel IX secolo da Alfonso II per custodire importanti reliquie religiose; a queste si aggiunsero tra il XII e il XVIII secolo nuove costruzioni in stile gotico e barocco.

L’ingresso avviene dalla chiesa principale, un magnifico edificio su cui si aprono numerose piccole cappelle; procedendo lungo la navata principale il vostro sguardo verrà catturato magneticamente dallo splendido altare ligneo del Cinquecento.

Durante la vostra visita alla Cattedrale potrete ammirare sculture di pregevole fattura, le tombe dei re asturiani, il chiostro, e due artefatti che sono diventati il simbolo della città e della regione, ovvero la Croce degli Angeli e la Croce della Vittoria.

Tra i tesori della Cattedrale hanno un profondo significato religioso il Santo Sudario, il lenzuolo che avrebbe coperto il volto del Cristo morto, e un pezzo di lígnum crucis, ovvero il legno della croce di Gesù.

Impossibile accertare se questi oggetti siano effettivamente ciò che dichiarano d’essere, ma la loro suggestione, anche per chi non è cattolico, è indubbiamente molto forte.

Il Museo della Cattedrale al piano superiore espone un’interessante collezione di sculture ed oggetti d’arte sacra.

Le sculture di Oviedo

Una caratteristica peculiare di Oviedo, che incuriosisce tutti i turisti, è la quantità di statue disseminate nelle vie pedonali e nelle piazze del centro storico. Sono più di 100, quasi tutte in bronzo, diversissime per grandezza e soggetto.

Esplorate il centro alla ricerca delle tre statue più curiose di Oviedo:

  • Una delle statue all’aperto è dedicata al celebre regista americano Woody Allen, che dopo aver girato qui alcune scene del suo film “Vicky Cristina Barcelona” definì Oviedo incantevole come una fiaba.
  • La statua più fotografata di Oviedo è sicuramente Culis Monumentalibus, un paio di gambe su cui troneggia un enorme sedere artistico firmato da uno geniale artista il cui cognome, ironicamente, è… Úrculo.
  • Un’altra statua molto famosa è la Natività di Botero, posta nella piazza de la Escandalera, dove sorge anche l’elegantissimo palazzo Casas del Conde.

Monte Naranco

A circa 7 km a nordovest del centro storico si trova la statua più impressionante di Oviedo, ovvero il Monumento al Sagrado Corazón, una gigantesca statua di Cristo che sembra benedire la città dall’alto del Monte Naranco. La statua è alta 30 metri e fu costruita nel 1981.

La vista dal Monte Naranco è spettacolare: potrete ammirare la città di Oviedo, con i suoi palazzi storici, stretta tra le montagne innevate e intravedere sullo sfondo il golfo di Biscaglia.

Se siete arrivati fin qaussù aggiungete al vostro programma anche la visita al Palacio de Santa Maria del Naranco, costruito sulle pendici del monte. È un interessante esempio di architettura pre-romanica, con alcune caratteristiche innovative per l’epoca come il sogueado, un motivo a corda usato per le decorazioni scultoree delle colonne.

Si può visitare solo con un tour guidato che comprende anche la chiesa di San Miguel de Lillo.

Il boulevard del sidro

Il sidro è “il vino” asturiano per eccellenza, amatissimo dalla gente del posto. Questo succo di mela fermentato, a bassa gradazione alcolica, è una bevanda rinfrescante e piacevolissima, preparata solo con frutta locale e adatta ad accompagnare numerosissimi piatti.

Il sidro asturiano viene servito con un metodo particolare che ha una sua precisa funzione (rilasciare anidride carbonica) ma che rappresenta per i turisti un’emozionante spettacolo folkloristico.

Imperdibile quindi durante una vacanza ad Oviedo la visita al Boulevar de la Sidra, il cui nome ufficiale è Calle Gascon: si tratta di una via ricchissima di sidrerie e locali tradizionali, dove potrete gustare gli appetitosi piatti della cucina asturiana innaffiati da un bicchiere di buon sidro.

Qui assistere al tradizionale rito del “descanciar“, ovvero la mescita del sidro, che avviene così: con una mano si tiene un bicchiere dalla forma larga in basso e con l’altra, tenuta ben alta sopra la testa, si fa cadere il sidro nel bicchiere.

L’urto che si crea tra il liquido e il bicchiere fa rilasciare l’anidride carbonica e il sidro sviluppa freschezza, aromi e profumi. Bevetelo in fretta, come fanno gli asturiani, prima che gli aromi evaporino.

Musei

Se siete appassionati d’arte visitate il Museo de Bellas Artes de Asturias, che conta due sedi espositive ospitate all’interno di eleganti palazzi più una modernissima sede aggiunta nel 2015.

La collezione comprende opere di grandi artisti spagnoli ed europee del passato e dei giorni nostri, tra cui Goya, Tiziano, El Greco, Brueghel Il Vecchio, Picasso, Miró e Dalí.

Se invece volete saperne di più sulla storia della regione il museo per voi è il Museo Arqueologico de Asturias, ospitato all’interno di un monastero cinquecentesco recentemente restaurato.

Vicolo nel centro di Oviedo

Dove dormire a Oviedo

Oviedo non rientra ancora nei più battuti itinerari turistici della Spagna settentrionale ma ha comunque una buona scelta di hotel e b&b: questo fa sì che sia abbastanza facile trovare un alloggio di qualità in tutti i periodi dell’anno. I prezzi sono buoni rispetto alla media spagnola.

Alloggi consigliati a Oviedo

  • Hotel & Spa Princesa Munia: hotel 4 stelle a due passi dal centro e a soli 5 minuti a piedi dalla Cattedrale, dotato di un centro benessere con piscina e bagno turco. Le camere sono dotate di tutti i comfort, compresa docking station per Iphone e in alcuni casi vasca da bagno con idromassaggio. Disponibile in zona un parcheggio privato a pagamento. Consigliato per un’occasione speciale o a chi cerca relax.
  • Hotel Clarin: elegante hotel 3 stelle di design, caratterizzato da un originale arredamento contemporaneo in fantasie art decò bianco e nero. L’hotel si trova in posizione centrale in una via pedonale, con possibilità di parcheggio nelle vicinanze. Le camere sono comfortevoli e spaziose. Perfetto per un soggiorno chic senza spendere una follia.
  • Nap Hotel Carta Puebla: hotel 3 stelle nel cuore della città dal buon rapporto qualità/prezzo. Le camere, tutte insonorizzate, sono arredate in modo semplice ma dotate di tutti i servizi; hanno pavimento in parquet e bagno privato, con vasca o doccia. È un’ottima soluzione per chi cerca comodità a un buon prezzo.

Come raggiungere Oviedo

L’aeroporto di Oviedo non è collegato con voli diretti dall’Italia, pertanto dovrete volare su un’altra località spagnola, come Madrid o Santander, e da lì raggiungere Oviedo.

Esistono treni diretti da molte città spagnole, come Madrid, Barcellona e persono Alicante, oltre naturalmente a tutte le principali località asturiane. Vi consigliamo però di noleggiare un’auto, così avrete più libertà di movimento e potrete godere degli splendidi paesaggi delle Asturie.

Da Madrid potrete raggiungere Oviedo in 4 ore e mezza percorrendo l’autostrada A-6.

Mappa

Cerchi un alloggio a Oviedo?

Clicca qui per vedere tutte le strutture disponibili a Oviedo
Mostrami i prezzi