Toledo

Prima di Madrid c’era Toledo: la prima capitale della Spagna è una città antichissima dove si fondono cultura cattolica, araba ed ebraica. Da non perdere.

Fatevi rapire dalla magia di Toledo, la città delle tre culture che sorge in scenografica posizione arroccata su una gola del fiume Tago.

Il suo tratto caratteristico è l’abbondanza di splendidi edifici di culto delle tre principali religioni, risultato della convivenza pacifica delle comunità cristiana, araba ed ebraica. Le origini di Toledo sono però di gran lunga più antiche e passeggiando per le città potrete imbattervi in tracce del suo passato romano e visigoto.

Un nome indissolubilmente legato a Toledo è quello di El Greco, una delle figure più importanti del Rinascimento spagnolo. Le sue opere sono sparse in diverse chiese della città e in museo che ricostruisce l’ambiente sociale e culturale che ne influenzò l’opera. Non è la casa del pittore ma una fedele ricostruzione di come avrebbe potuto essere. Delusi? Con oltre 100 capolavori pittorici da ammirare non rimpiangerete il prezzo del biglietto d’ingresso.

Facilmente raggiungibile da Madrid in auto o con i mezzi pubblici, Toledo è la meta ideale per un’indimenticabile gita in giornata da capitale a ex capitale. Cercate di prendere l’ultimo treno della sera, così potrete ammirare uno splendido tramonto sulla città.

Cosa vedere a Toledo

Il centro di Toledo è un museo a cielo aperto, tante sono le attrazioni storiche e culturali da visitare. Ecco le più interessanti.

La fortezza di Toledo

L’impressionante edificio che domina dall’alto la città di Toledo è l’Alcázar, fortezza a tratti suggestiva a tratti inquietante.

Costruita nel X secolo da Abd ar-Rahman III, fu presto modificata dai cristiani, trasformata in una residenza reale per Carlo I e infine usata come sede di un’accademia militare. Seriamente danneggiata durante la guerra civile spagnola, fu successivamente ricostruita.

Attualmente è sede di un enorme museo, con una sezione militare e una dedicata alla storia della Spagna, e una biblioteca pubblica. Val la pena arrivare fin quassù per ammirare il grande cortile centrale, la scala imperiale e il belvedere da cui si può godere di una splendida vista panoramica sul fiume Tajo e i dintorni della città.

La difesa dell’Alcazar di Toledo

La fortezza di Toledo è stato teatro di un episodio rimasto nella storia della sanguinosa guerra civile spagnola. Protagonista di una stoica difesa dell’Alcazar per ben 70 giorni fu il comandante nazionalista José Marchado, che rifiutò di consegnarsi ai soldati repubblicani anche sotto la minaccia dell’assassinio del figlio.

Vie, porte e piazze

Lungo le mura fortificate di Toledo si aprono numerose porte, alcune riccamente decorate. Il principale accesso alla città è costituito dalla Porta di Bisagra, di origine musulmana e modificata durante il regno di Carlo I; incastonata tra due imponenti bastioni, è sormontata dallo scudo imperiale.

Più antica è la porta di Alfonso VI, detta che Vecchia della Bisagra, che rappresenta un esempio più fedele all’originale musulmano. Un’altra porta che potete ammirare è la Porta del Sole, in stile mudéjar, risalente al XIII secolo.

Un tempo teatro di corride e prima ancora esecuzioni dell’Inquisizione, l’elegante Plaza de Zocodover è oggi il luogo ideale per una sosta: sorseggiate un caffè in uno signorili bar della piazza e osservate la gente che passa.

Dopo esservi riposati cercate l’Arco de Sangre, un’apertura a forma di ferro di cavallo che oggi collega la piazza alle vie del centro mentre in origine costituiva l’unica apertura nelle vecchie mura che collegavano l’Alcazar al resto della città. Il nome dell’arco ricorda le sanguinose esecuzioni che venivano eseguite nella piazza.

Musei

Una delle attrazioni turistiche più famose di Toledo è il Museo del Greco, che ha sede in quella che per lungo tempo fu erroneamente considerata la casa in cui il celebre pittore El Greco visse gli ultimi della sua vita.

Spesso viene ancora descritto come casa-museo, ma la mission di questa importantissima istituzione culturale non è far vedere le vere stanze in cui l’artista ha vissuto e lavorato, bensì rendere il contesto socio-culturale dell’epoca e far capire l’importanza dell’opera e della personalità di El Greco nella Toledo di inizio Seicento.

Altri musei di Toledo da segnalare sono:

  • Museo de los Concilios y la Cultura Visigoda: un’occasione unica per conoscere meglio il popolo dei Visigoti, la loro cultura e la loro presenza in Spagna è visitare questo museo a loro dedicato nella città che fu per due secoli la loro capitale.
  • Museo de Santa Cruz: galleria d’arte ospitata all’interno di un palazzo del Cinquecento originariamente usato come ospedale. Il pezzo forte è, manco a dirlo, una tela di El Greco: la Sagrada Familia con Santa Ana.
  • Ospedale di Tavera: altra tappa fondamentale per la conoscenza delle opere di El Greco, questo museo espone una sua magnifica, purtroppo incompiuta, pala d’altare.

Chiese, sinagoghe e moschee di Toledo

Il centro storico di Toledo è insolitamente ricco di edifici religiosi di culture diverse, eredità della convivenza pacifica di arabi, cristiani ed ebrei per molti secoli. Potreste spendere una giornata intera soltanto seguendo un itinerario religioso: se pensiate sia un po’ troppo, dedicata la vostra attenzione ai più bei edifici religiosi di Toledo.

Cattedrale

La Cattedrale di Toledo vale da sola una gita: questo monumentale edificio, un capolavoro di arte gotica, viene inserito tra le 10 più belle cattedrali di Spagna e non è esagerato definirla una delle più belle d’Europa. La sua costruzione iniziò nel XII secolo, sui resti di una precedente moschea e di una cattedrale visigota, e terminò soltanto nel XV secolo, con una sovrapposizione di stili che testimonia il passaggio del tempo.

La cattedrale custodisce tesori artistici di inestimabile valore, tra cui è d’obbligo segnalare le tele di El Greco, Velázquez e Goya. Il pezzo più impressionante è però la Custodia de Arfe, magnifico esempio di oreficeria in argento e bagno d’oro realizzato tra il 1517 ed il 1524, alto circa 2,5 metri e decorato con 260 immagini.

Questo impressionante oggetto dal peso non indifferente di oltre 200 kg viene portato in giro per le strade della città durante la processione del Corpus Domini.

Sinagoga del Transito

La Sinagoga del Transito, la più bella delle due sinagoghe in stile mudejar di Toledo, fu costruita nel 1355 per concessione speciale di re Pedro I. Recentemente restaurata, è oggi sede del Museo Sefardí che racconta la storia degli ebrei in Spagna attraverso testimonianze storiche, costumi, oggetti sacri e un giardino-memoriale.

Durante la visita al museo ammirate i soffitti a cassettoni di stile mudéjar e le pareti riccamente decorate con iscrizioni ebraiche e un motivo a spighe di grano stilizzate.

Moschea del Cristo della Luce

La piccola ma graziosissima Moschea del Cristo della Luce fu costruita alla fine del X secolo sul modello della ben più maestosa moschea di Cordova e poi convertita in chiesa cattolica. Rimangono però gli archi e la volta originaria.

La moschea con il nome del Cristo

Vi siete chiesti il perché del curioso nome della Moschea del Cristo della Luce? Secondo la leggenda il cavallo di re Alfonso VI si fermò improvvisamente davanti alla moschea, rifiutandosi di proseguire. Investigando sull’accaduto, venne trovata una statua di Cristo risalente a oltre 300 anni prima, con una lampada ad olio ancora funzionante.

Monastero di San Juan de los Reyes

Fate un piccolo sforzo e visitate un altro stupendo edificio religioso di Toledo. Il Monastero di San Juan de los Reyes fu provocatoriamente costruito dai re cattolici Isabella e Fernando nel quartiere ebraico della città allo scopo di dimostrare la supremazia della loro fede.

A vedere questo imponente monastero quattrocentesco non si può dubitare della serietà dei loro propositi. L’elemento più ricco di questa straordinaria costruzione è lo splendido chiostro a due livelli, uno in stile gotico fiammeggiante e uno in stile mudéjar, riccamente decorato con statue, archi, volte, pinnacoli. Al centro del chiostro c’è uno stupendo giardino con alberi d’arancio e rose.

Come raggiungere Toledo da Madrid

Toledo dista circa 80 km da Madrid e con un’auto a noleggio si può raggiungere in meno di un’ora percorrendo l’autostrada A-42.

Se preferite viaggiare con i mezzi pubblici, c’è un treno diretto che parte circa ogni ora dalla stazione di Atocha; il viaggio dura 33 minuti. L’ultimo treno per tornare a Madrid è intorno alle 21.30, quindi avete sufficiente tempo per visitare tutte le principali attrazioni della città.

Un’altra possibilità è quella di prenotare un tour guidato da Madrid, di un giorno o mezza giornata.

Mappa

Cerchi un alloggio a Toledo?

Clicca qui per vedere tutte le strutture disponibili a Toledo
Mostrami i prezzi