Cáceres

Dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, la cittadina di Cáceres custodisce un'eredità storica, architettonica e culturale tutta da scoprire!
Cerca Hotel, B&B e Case vacanze

Cáceres è una fantastica cittadina della Spagna centro-occidentale che sorge a 430 metri d’altitudine, fra la Sierra de la Mosca e la Serrilla. La città vecchia (o Ciudad Monumental) si trova ancora rinchiusa all’interno delle mura e conserva numerose testimonianze non solo dell’architettura rinascimentale spagnola e italiana ma anche del gotico.

La città è stata fondata nel 25 a.C. dal console romano Lucio Cornelio Balbo con il nome di Norbensis Caesarina e risale proprio a quegli anni la costruzione della strada, detta oggi Ruta de la Plat, che univa le città di Gijon e Siviglia.

Cáceres è stata poi dominata dagli arabi e dai cristiani, due civiltà che hanno lasciato un enorme eredità architettonica e storica. Solo nel XIII secolo re Alfonso IX liberò definitivamente la città dagli arabi e la incorporò nel regno del León.

Il fatto che Cáceres sia riuscita a conservare l’impianto urbanistico antico e molte testimonianze delle diverse dominazioni che si sono succedute ha reso possibile che questa località venisse dichiarata nel 1986 Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.

Cosa vedere a Cáceres

La cittadina di Cáceres è un intricato dedalo di viette acciottolate e piazze circondate da eleganti palazzi. Questa destinazione non viene spesso inserita nei tradizionali itinerari turistici per cui camminare per il suo centro è come fare un viaggio indietro nel tempo. Accanto a storiche chiese e antichi edifici si trovano negozi, piccole botteghe e ristoranti dove assaggiare la gastronomia locale.

Ciudad Monumental

La “Ciudad Monumental” (città monumentale) di Cáceres è l’area più antica della città ed è quella conservata all’interno della cinta muraria. Qui si trovano i principali siti di interesse, numerosi ristoranti e negozi. La parte esterna alle mura è quella più moderna e costruita in epoche più recenti.

La città è divisa in quattro parrocchie, Santa María, San Matteo, Santiago e San Giovanni. Di queste le prime due sono all’interno della cinta, mentre le ultime due all’esterno. Oltre ad essere Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO la “Città Monumentale di Cáceres” è stata dichiarata dal Consiglio d’Europa Terzo Complesso Monumentale d’Europa (dopo Praga e Tallinn).

Piazza Mayor

Piazza Mayor è la piazza principale della città e tradizionale punto d’incontro cittadino. La Piazza Mayor di Cáceres è considerata una delle piazze più grandi di Spagna e attualmente ospita numerosi bar, ristoranti, portici con negozi e la sede del Municipio. In origine la Piazza era stata costruita nel XII secolo per consentire lo svolgimento di una fiera annuale, ma in seguito è stata conservata prima come sito adatto per il mercato cittadino e poi come luogo di ritrovo.

Nel XV secolo è cominciata la costruzione di elganti palazzi, edifici e portici sostenuti da pilastri di pietra e archi a tutto sesto. All’interno della Piazza è possibile ammirare i resti della torre Bujaco, della torre dei Púlpitos e della torre dell’Erba. Una delle porte d’accesso più importanti alla piazza è l’Arco dell’Estrella, ricostruito da Manuel de Lara Churriguera nel XVIII secolo. Da questa piazza parte Calle Pintores, la via più commerciale di Cáceres.

Arco de la Estrella

L’Arco de la Estrella è considerato la porta d’entrata principale alla Città Monumentale di Cáceres. Realizzata in stile barocco la porta attualmente collega Plaza Mayor con la Plaza de Santa María, due aree nevralgiche della città. Situato accanto alla torre Bujaco, l’arco è stato eretto nel XV secolo al posto di una precedente entrata, ma nel Settecento ha subito un’importante ristrutturazione ad opera di  Manuel de Lara Churriguera. Questo grande arco ribassato obliquo attualmente custodisce sul lato interno una statua della Virgen de la Estrella (Madonna della Stella) che dà il nome all’arco, mentre all’esterno è presente lo stemma di Cáceres.

Concattedrale di Santa Maria Maggiore

La Concattedrale di Santa Maria Maggiore è stata costruita tra il XV e il XVI nel sito in cui c’era già un precedente edificio del XIII secolo in stile mudéjar. Questo luogo di culto è poi stato ricostruito in stile gotico (misto al romanico precedente) con tre navate. Dotata di pianta rettangolare, la chiesa internamente vanta navate separate da pilastri cruciformi con archi ogivali e volte gotiche.

La Concattedrale custodisce una pala d’altare del XVI secolo dedicata all’Assunzione della Vergine che è stata realizzata da Roque Balduque e Guillén Ferrant con legno di pino e cedro nello stile dell’Estremadura. La facciata è affiancata da una torre che ospita una statua di San Pietro d’Alcántara creata nel 1954 dallo scultore Enrique Pérez Comendador.

Chiesa di San Giovanni

Un tempo questa era la zona della città che accoglieva gli allevatori di bestiame transumanti che visitavano Càceres e soggiornavano in quest’area quando si tenevano le fiere del bestiame. La Chiesa di San Giovanni è nata, quindi, come luogo di culto degli allevatori. L’edificio costruito nel XIII secolo ha subito importanti rimaneggiamenti nei secoli successivi e per questo aveva perso molto dell’impianto originale. Nel Novecento, però, lavori di restauro hanno riportato alla Chiesa parte del suo stile nativo.

Al suo interno ci sono diverse cappelle, tra cui la cappella delle reliquie che vanta una copertura decorata con putti e colonne balaustrate ai lati. La chiesa si trova in una zona ricca di locali, ristoranti e bar di tapas dove si possono degustare ottimi prodotti della cucina dell’Estremadura.

Chiesa di San Francisco e collegio della Compagnia di Gesù

Questo complesso, che occupa un ampio spazio nel centro storico della città, è formato dalla Chiesa di San Francesco e dal Collegio costruito dalla Compagnia di Gesù nel XVIII secolo.

La chiesa presenta un’unica navata con cappelle laterali, cupola sul transetto e ospita al suo interno una tela del pittore napoletano Paolo de Matteis. La facciata ha una nicchia che custodisce l’immagine di San Francisco Javier ed è fiancheggiata da due torri quadrate di colore bianco.

Il collegio costruito in stile barocco con influssi in stile Churrigueresco attualmente è sede del Palazzo delle Esposizioni e della delegazione territoriale dell’Assessorato alla Cultura e al Patrimonio della Regione dell’Estremadura.

Museo di Cáceres

Il Museo di Cáceres custodisce numerose testimonianze archeologiche e culturali della storia della provincia che vanno dal Paleolitico all’avanguardia e all’arte contemporanea. Il Museo si trova attualmente allestito all’interno di due edifici collegati tra loro: la casa delle Veletas e la casa dei Caballos.

Il percorso all’interno si snoda in tre sezioni principali: Archeologia, Etnografia e Belle Arti. Da segnalare la presenza di steli di pietra dell’età del bronzo, di reperti orientaleggianti, di mosaici romani e di una collezione d’arte spagnola del XX secolo.

Torre di Bujaco

Costruita durante la dominazione araba, la Torre di Bujaco deve il suo nome al Califfo Abú-Ya’qub che ha conquistato la città nel 1173 dopo mesi di assedio. Per un periodo è stata conosciuta anche come Torre dell’Orologio perché, dalla fine del Cinquecento alla fine del Settecento, qui era stato installato un orologio per le attività commerciali della zona.

La torre, alta all’incirca 25 metri, ha una cima merlata e una pianta quadrata con due parapetti laterali ed uno frontale che è stato aggiunto solo nel Settecento. Da lassù è possibile ammirare un bellissimo panorama su tutto il territorio cittadino.

Palazzo dei Golfines de Abajo

Il Palazzo dei Golfines de Abajo era stato originariamente voluto da re Enrique IV anche se poi è diventato proprietà della famiglia Golfines fino alla morte dell’ultima discendente, Doña Tatiana Pérez de Guzmán VIII contessa di Torre Arias.

Questo maestoso palazzo ha una struttura gotica, decorazioni in stile plateresco del XVII secolo ed è stato realizzato seguendo i canoni architettonici della casa-fortezza quattrocentesca. All’esterno due torri di differenti dimensioni affiancano la facciata che presenta un arco a tutto sesto con stemmi.

All’interno il Palazzo è ora stato convertito in museo ma ha mantenuto il suo aspetto di casa nobiliare con grandi saloni e pregiati oggetti di arredamento. Qui non è solo possibile conoscere la storia di Cáceres ma anche diversi aspetti dell’evoluzione delle famiglie nobili nel tempo: i loro gusti, le credenze, le tendenze e le mode.

Dove dormire a Cáceres

Cáceres è una piacevole cittadina con un piccolo ma interessante centro storico a misura d’uomo. La città è oggi famosa perché è stata iscritta tra i siti Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO. Dormire nella zona della Ciudad Monumental è sicuramente l’opzione migliore perché permette di vivere appieno l’atmosfera della città e di essere vicini ai principali siti.

In centro è possibile trovare non solo diversi hotel ma anche piccole locande e strutture a conduzione famigliare davvero accoglienti. Tenete conto che alcune sistemazioni possono trovarsi all’interno di storici palazzi riconvertiti che possono dare un tocco diverso e originale al vostro soggiorno.

Offriamo le migliori tariffe Se trovi a meno rimborsiamo la differenza.
Cancellazione gratuita La maggior parte delle strutture permette di cancellare senza penali.
Assistenza telefonica h24 in italiano Per qualsiasi problema con la struttura ci pensa Booking.com.

Hotel consigliati a Cáceres

Hotel
Gran Hotel Don Manuel
Cáceres - San Justo, 15Misure sanitarie extra
8,7Favoloso 5.169 recensioni
Vedi Tariffe
Hotel
Soho Boutique Casa Don Fernando
Cáceres - Plaza Mayor, 30Misure sanitarie extra
8,5Favoloso 3.986 recensioni
Vedi Tariffe
Hotel
NH Collection Cáceres Palacio de Oquendo
Cáceres - Plaza de San Juan, 11Misure sanitarie extra
8,6Favoloso 3.955 recensioni
Vedi Tariffe
Vedi tutti gli alloggi

Come raggiungere Cáceres

Cáceres si può facilmente raggiungere in auto o con i mezzi pubblici. Per chi viaggia in macchina la città è collegata tramite la A-66 (ex strada romana di La Plata) con Hervás, Plasencia, Mérida, Fuente de Cantos e Salamanca. Chi proviene da Madrid, invece, può raggiungerla grazie alla A-58 che passa anche per Trujillo.

Cáceres è ben collegata anche con il Portogallo tramite la N-521. La città dispone di una stazione ferroviaria che presenta collegamenti con città vicine come Mérida, Plasencia, Badajoz ma anche con località più lontane come Madrid e Siviglia.

Meteo Cáceres

Che tempo fa a Cáceres? Di seguito le temperature e le previsioni meteo a Cáceres nei prossimi giorni.

giovedì 6
18°
31°
venerdì 7
19°
29°
sabato 8
17°
30°
domenica 9
18°
29°
lunedì 10
18°
25°
martedì 11
14°
26°

Dove si trova Cáceres

Cáceres è una cittadina dell’Estremadura, una Comunità Autonoma situata nella parte occidentale della Spagna. La città dista 300 km da Madrid, 200 km da Salamanca e 265 km Toledo.

Vedi gli alloggi in questa zona

Località nei dintorni