Jameos del Agua

Il jameos del agua è un complesso naturale abbondantemente arricchito da Cesar Manrique, che l'ha reso uno dei luoghi più visitati di tutta Lanzarote.

Il Jameos del Agua è uno spazio naturale e centro artistico, culturale e turistico ideato da César Manrique. E’ situato nel comune di Haría, a nord di Lanzarote, ed è una delle mete più apprezzate dai visitatori dell’isola.

La parola “jameo” è origine aborigena e si riferisce ad un foro che si produce a causa del crollo del tetto di un tunnel di lava. Il Jameos del Agua, proprio come la vicina Cueva de Los Verdes, si trova all’interno del tunnel vulcanico prodotto dall’eruzione del vulcano de la Corona.

Il tunnel ha una lunghezza nota di 6 km, di cui almeno 1,5 km sotto la superficie del mare: questa ultima sezione prende il nome di Tunnel di Atlantide.

I Jameos del Agua si trovano nella sezione di questo tunnel più vicino alla costa. Sono costituiti da almeno tre “jameos”, o aperture nel terreno: esse sono il “Jameo Chico“, attraverso il quale si accede all’interno, il “Jameo Grande” e un terzo, chiamato “Jameo de la Cazuela“.

L’intervento di Manrique

Da questi tunnel, l’artista e architetto di Lanzarote César Manrique ha tirato fuori una vera e propria gemma, con lo scopo di mostrare ai visitatori uno spazio per la contemplazione della natura. E’ il primo Centro di arte, cultura e turismo creato da César Manrique e rispecchia uno dei suoi pilastri creativi: l’armonia tra la natura e la creazione artistica.

All’inizio degli anni Sessanta, e a causa dell’abbandono degli ambienti, si resero necessari dei lavori di pulizia e ricondizionamento. Anche se le opere furono ritardate, possiamo evidenziare l’anno 1966 come data di apertura delle prime fasi al pubblico.

La morfologia speciale del tunnel di lava ha provocato numerosi cambiamenti al progetto iniziale, esplorando nuove alternative creative e assicurando che le soluzioni adottate fossero le più appropriate.

Sarà solo nel 1977, dopo oltre 10 anni di lavori, che la struttura generale del Jameos del Agua può dirsi conclusa. Nello stesso anno venne aperto ufficialmente il centro, compreso l’Auditorium.

Successivamente vennero create nuove installazioni per funzioni specifiche come lo spazio museale della “Casa dei Vulcani“. Dal 1987, questo centro è stato dedicato al lavoro scientifico e didattico sulla volcanologia.

Il granchio cieco

Il Jameos del Agua è molto importante dal punto di vista ecologico, poiché qui si trova una specie di granchio unica ed endemica, detta granchio cieco (Munidopsis polymorpha), un granchio di una lunghezza di un centimetro, albino e cieco.

Questi granchi sono molto sensibili ai cambiamenti nella laguna (provenienti dall’acqua di mare) e per questo il rumore e la luce li disturbano. Sono molto sensibili alla ruggine, che può ucciderli: per questo motivo è proibito gettare monete nell’acqua.

Il tour del Jameos del Agua

Si entra nel Jameos salendo una scalinata in pietra fino alla prima grotta, il Jameo Chico, trasformata da Manrique in un insolito bar/ristorante con vista su un piccolo lago.

Questo lago naturale ha un’acqua estremamente trasparente – regolata dall’Oceano Atlantico – e ospita i granchi ciechi, diventati oggi il simbolo del Jameos del Agua.

Manrique ha creato un’identità o un logo per ognuna delle attrazioni culturali sviluppate sotto la sua egida e per i Jameos del Agua, i simboli di granchi e aragoste fanno da padroni in tutto il sito, dalla grande statua che accoglie i visitatori nel parcheggio ai giganteschi vasi a forma di aragosta utilizzati per le felci giganti, fino a dettagli più piccoli come le maniglie delle porte a forma di aragosta nell’auditorium principale.

Attraversando il lago percorrendo uno stretto sentiero, si giunge al Jameo Grande. Anche se probabilmente l’avrete visto in una miriade di cartoline, non c’è nulla di più intrigante di uscire dal tunnel oscuro e trovarsi all’improvviso in un’enorme grotta all’aperto rivestita di piante tropicali e la piscina più fantastica che potreste mai immaginare.

Questa piscina cristallina e turchese è un vero paradiso, anche se non si può usare perché il nuoto è proibito. Solo al Re di Spagna è permesso nuotare qui.

Dall’estremità opposta del Jameo Grande si può poi accedere all’Auditorium, che è stato costruito in parte nel tunnel di lava che scende verso l’Oceano.

E’ stato aperto per la prima volta nel 1987, ma è stato chiuso per diversi anni fino al 2009, a causa della necessità di lavori di restauro. Oggi l’auditorium è utilizzato per concerti di musica classica, in quanto ha un’eccellente acustica, ma anche per proiezioni cinematografiche: Il film di Pedro Almodovar ‘Gli abbracci spezzati‘, che è stato girato parzialmente a Lanzarote, ha avuto qui la sua prima proiezione nel 2010.

La Casa de los Volcanes

Infine, si scende dalle grotte per raggiungere la Casa de los Volcanes, un edificio d’avanguardia che ospita alcune fantastiche informazioni sull’isola di Lanzarote e, non sorprendentemente, sui vulcani di tutto il mondo e delle Canarie in particolare.

È possibile visualizzare strumenti e computer che mostrano misurazioni di temperatura e movimenti della Terra, collocati dietro ad un vetro, in quanto fanno parte ancora oggi di studi scientifici.

La Casa de los Volcanes ospita ogni anno una riunione di vulcanologi internazionali e, di volta in volta, vengono organizzate anche conferenze sui vulcani aperte al pubblico.

Informazioni utili per la visita

Di seguito alcune utili informazioni per visitare il Jameos del Agua:

Tour guidati

Per non perdere le principali attrazioni del nord di Lanzarote e ottimizzare i tempi durante la visita, considerate l’idea di prenotare un tour guidato.

Bar e ristoranti

Oltre al bar/ristorante del Jameo Chico vi è un secondo bar accanto alla Casa de los Volcanes, da cui si gode di una splendida vista sulla piscina e sull’Oceano Atlantico.

Jameos del Agua di sera

Il Jameos del Agua è doppiamente interessante di sera, quando i visitatori possono gustarsi una deliziosa cena à la carte e balli e musica tradizionali dal vivo. Le serate in cui è possibile accedere al complesso sono il martedì e il sabato durante tutto l’anno, a cui si aggiunge il mercoledì durante i mesi estivi.

Biglietti e orari

  • Costo del biglietto d’ingresso: 9,50 euro per gli adulti, 4,75 euro per i bambini (fino a 7 anni l’ingresso è gratuito). E’ possibile ottenere il 20% di sconto entrando dopo le 15:00.
  • Orari d’apertura: tutti i giorni dalle 10:00 alle 18:30. Il martedì e il sabato tutto l’anno, e i mercoledì d’estate, viene effettuata anche l’apertura serale dalle 19:00 alle 03:00.

Consigli utili

  • E’ consigliabile indossare scarpe comode, dato che il pavimento all’interno consiste principalmente di roccia vulcanica. Meglio portarsi dietro un cappellino d’estate, assieme ad occhiali da sole e protezione solare.
  • Attualmente il Jameos del Agua non è adatto ai visitatori con disabilità, sebbene il centro si stia organizzando per rimuovere le barriere architettoniche.
  • Gli animali non sono ammessi, eccezion fatta per i cani guida.

Come arrivare

Raggiungere il Jameos del Agua con un’auto a noleggio è semplicissimo, in quanto si trova proprio lungo la strada principale LZ-1, nel tratto che collega Punta Mujeres a Orzola, all’estremità nord-ovest di Lanzarote. Il parcheggio è gratuito e sempre disponibile.

Dista circa 35 minuti da Puerto del Carmen, 25 minuti da Arrecife e quasi 1 ora da Playa Blanca. A meno di un chilometro si trova poi la Cueva de los Verdes, un’altra attrazione imperdibile di Lanzarote.

Informazioni utili

Indirizzo

Carretera Arrieta-Órzola, S/N, 35542, Las Palmas, Spagna

Contatti

TEL: +34 901 20 03 00
Sito ufficiale

Orari

  • Lunedì: 10:00 - 18:30
  • Martedì: 10:00 - 00:00
  • Mercoledì: 10:00 - 18:30
  • Giovedì: 10:00 - 18:30
  • Venerdì: 10:00 - 18:30
  • Sabato: 10:00 - 00:00
  • Domenica: 10:00 - 18:30

Mappa

Alloggi Jameos del Agua

Cerchi un alloggio in zona Jameos del Agua?

Clicca qui per vedere tutte le strutture disponibili nei dintorni di Jameos del Agua
Mostrami i prezzi