Formentera

Rendete unica la vostra vacanza visitando le attrazioni da non perdere a Formentera, tra spiagge, villaggi, fari, mulini, mercatini e percorsi trekking.

Se amate la vita notturna e il divertimento, isole come Ibiza e Maiorca probabilmente sono più adatte a voi: le attrazioni e le cose da vedere a Formentera sono legate alla natura, all’aria aperta, alle tradizioni e alla storia dell’isola.

Probabilmente trascorrerete la maggior parte della vostra vacanza crogiolandovi al sole in una delle stupende spiagge di Formentera e tuffandovi nel suo mare cristallino: come darvi torto? Sono spiagge paradisiache, così belle che nessuno mai vorrebbe andar via.

Date però un’occhiata anche all’entroterra di Formentera, un mondo poco conosciuto marcato da suggestivi fari, mulini a vento e muretti in pietra, costruzioni antiche che reggono orgogliose al passare del tempo, perfettamente integrate nel meraviglioso paesaggio circostante.

Vogliamo parlare di paesaggio? Formentera non è solo spiagge, ma anche saline, lagune, boschi di pini e di ginepri, da esplorare a piedi o in bicicletta seguendo uno dei cammini segnalati dell’isola, naturalmente sempre con la macchina fotografica a portata di mano.

Come raggiungere Formentera?

Formentera è l’isola più piccola dell’arcipelago delle Baleari e si trova ad appena 2 miglia nautiche dalla costa meridionale di Ibiza; non ha un proprio aeroporto e per raggiungerla bisogna prima atterrare all’aeroporto di Ibiza e poi imbarcarsi su una delle numerose navi che collegano le due isole.

Spiagge di Formentera

Formentera ha una costa molto frastagliata dove fanno capolino splendide spiagge di sabbia bianca e acque cristalline che non hanno nulla da invidiare a quelle caraibiche. Tra le spiagge di Formentera da non perdere Ses Illetes, Es Pujols e Cala Saona.

Ses Illetes

Il mare limpido di Ses Illetes

Playa ses Illetes è la spiaggia più famosa di Formentera, una distesa di sabbia bianchissima bagnata da un mare trasparente che ricorda una cartolina dei Caraibi.

Non è esattamente deserta essendo una delle principali attrazioni turistiche dell’isola, visitata da vacanzieri, residenti e turisti in escursione giornaliera da Ibiza, ma è abbastanza grande per cui se volete stare più tranquilli vi basterà spostarvi un po’ per trovare un angolino per voi.

Scopri di più su Ses Illetes

Es Pujols

Es Pujols è uno dei resort più popolari di Formentera. La sua ampia spiaggia sabbiosa è in parte attrezzata in parte libera, ma nonostante le comodità mantiene un aspetto naturale, reso ancora più suggestivo dalle dune alle sue spalle.

L’accesso in spiaggia avviene tramite una camminata in mezzo alle dune ed è di per sé un’esperienza affascinante: per proteggere il delicato sistema dunario sono state infatti costruite delle passerelle in legno che permettono ai turisti di passare in mezzo a queste montagnole di sabbia senza danneggiarle.

Scopri di più su Es Pujols

Cala Saona

La spiaggia di Cala Saona

Cala Saona viene considerata una delle più belle spiagge dell’isola ed è in effetti una spiaggia particolare in cui trionfano i colori della natura: l’azzurro del mare, il verde degli alberi, il rosso delle scogliere.

Incastonata in una baia a forma di ferro di cavallo, Cala Saona è protetta ai lati da formazioni rocciose di color rossastro mentre alle sue spalle sorge una pineta: a questo impatto visivo davvero straordinario le antiche rimesse delle barche dei pescatori, ancora oggi usate, aggiungono un tocco di nostalgico romanticismo.

Questa spiaggia dall’aspetto naturale è adatta anche a famiglie con bambini piccoli che grazie ai bassi fondali e alle acque calme potranno giocare e nuotare in sicurezza.

Cosa vedere a Formentera

Ecco una mini guida su cosa vedere a Formentera.

La Savina

Porta d’accesso alla paradisiaca Formentera, il piccolo villaggio portuale di La Savina si trova nella parte settentrionale dell’isola e si contraddistingue per un’atmosfera un po’ esclusiva grazie ai lussuosi yacht che vi ancorano. Il paese prende il nome da un isolotto che un tempo sorgeva all’entrata del porto e che oggi è unito alla terraferma.

La Savina può essere una soluzione più economica per il soggiorno rispetto alle altre località dell’isola e permette un accesso veloce alle splendide spiagge di Illetes, Es Cavall d’en Borras e Platja de Llevant. Al fianco di La Savina si trova il lago salato di Estany Pudent.

Dal carattere tipico dei luoghi di passaggio, La Savina è il luogo ideale dove prendere un’auto a noleggio a Formentera visto che numerose agenzie hanno i proprio uffici proprio di fronte al porto. Dal porto è possibile anche salire sui pullman di linea e i taxi che collegano i principali centri urbani dell’isola.

I traghetti da e per Ibiza impiegano 30 minuti per la traversata.

San Francesc Xavier de Formentera

La chiesa di Sant Francesc Xavier

Capoluogo dell’isola di Formentera è Sant Francesc Xavier, una cittadina di circa 1000 abitanti che ha fatto della semplicità la sua più grande attrattiva.

È una cittadina caratteristica, con casette bianche, piazzette e caffetterie dove potersi rilassare sorseggiando un caffè in tranquillità e riesce a mantenere la sua atmosfera autentica, non pretenziosa, anche nei mesi estivi quando si riempie di turisti.

La zona pedonale di Carrer Jaume I è ricca di negozietti di souvenir, botteghe artigiane e boutique. Inoltre nei medi di luglio e agosto in città si tiene un mercatino hippy molto popolare.

La vita notturna di Sant Francesc non è tra le più vivaci dell’isola ma il borgo offre ottimi ristoranti e locali alla moda dove trascorrere la serata in allegria.

L’unico monumento famoso della cittadina è la singolare chiesa senza finestre che sorge nella piazza principale, inizialmente costruita nel nel XVIII secolo per difendere l’isola dagli attacchi dei pirati e successivamente convertita a luogo di culto.

Il porto di La Savina dista 3 chilometri e le spiagge di Cala Saona, Es Calo e Es Migjon sono facilmente raggiungibili da Sant Francesc Xavier.

Lago salato di Estany Pudent

Il vasto lago salato di Estany Pudent è la più grande delle 2 lagune di acqua salmastra di Formentera e si trova nella parte settentrionale dell’isola dietro la spiaggia di Es Cavall d’en Borras, quella più vicina al porto di La Savina.

Con una superficie di oltre 3 chilometri quadrati e una profondità media di 4 metri, la laguna è veramente un luogo affascinante. E’ possibile passeggiare lungo le rive di questo lago interno grazie alle piste ciclabili e a diversi sentieri.

La concentrazione di sale di Estany Pudent è 3 volte superiore rispetto a quella del mare ma malgrado ciò questa riserva naturale è un’importante area naturalistica dove osservare volatili come la Pettegola macchiata, il fenicottero e il Cavaliere.

Sant Ferran

Il villaggio di Sant Ferran de ses Roques si trova al centro dell’isola di Formentera, a 2 chilometri e mezzo a est del capoluogo Sant Francisc e a 2 chilometri a sud di Es Pujols, alle spalle del lago salato Estany Pudent.

Centro del movimento hippy negli anni 60, Sant Ferran è meta tutt’oggi di un turismo alternativo. Vera leggenda di quegli anni il Fonda Pepe, un ristorante molto apprezzato anche oggi.

Da non perdere il mercato dell’arte che si tiene tutti i giorni tranne il mercoledì e la domenica da maggio a ottobre e il laboratorio artigianale di chitarre Formentera Guitars ha fornito strumenti musicali ad artisti della fama dei Pink Floyd.

Non lontano dal paese si trova la Cuevas d’en Gironi, una grotta al cui interno si possono ammirare stalattiti e stalagmiti.

Le Saline

Prima dell’arrivo del turismo, era l’industria del sale l’attività più importante dell’isola. Le saline di Formentera, ancora oggi attive, sono una preziosa testimonianza del passato dell’isola e un’affascinante attrazione turistica: il paesaggio è davvero straordinario, ma anche molto delicato e per questo dal 1995 la zona delle saline è stata dichiarata riserva naturale.

Il periodo migliore per visitare le saline è durante la cristallizzazione del sale, quando le pozze di raccolta si tingono di un delicato colore roseo, lo stesso delle piume dei fenicotteri che giungono qui per nutrirsi dei microrganismi presenti nelle acque di ristagno.

Durante questo periodo i giochi di luce che si creano nelle ore dell’alba e del tramonto sono spettacolari, da immortalare nel corso di un’appassionante trekking fotografico. Se invece volete ammirare i fondali di questo mondo naturale, meravigliosi ma estremamente fragili, dovrete chiedere un permesso per immergervi.

Mercatini

A partire da maggio fino a metà ottobre fare shopping a Formentera è più divertente, grazie ai numerosi mercatini di artigianato che vengono organizzati e riservati esclusivamente a chi vende prodotti realizzati sull’isola: potrete acquistare abiti, gioielli, oggetti in cuoio o in vetro, cestini in vimini, calzature espadrillas, dipinti e altre opere d’arte.

La più famosa di queste fiere dell’artigianato locale è il Mercado Artesano de La Mola, conosciuto anche come il mercatino hippy di Formentera perché decenni fa furono proprio gli hippy a iniziare la tradizione della vendita di oggetti fatti a mano a Formentera.

Si tiene tutti i mercoledì e le domeniche da primavera a inizio autunno, dal pomeriggio fino a sera, ed è non solo un luogo dove acquistare oggetti carini ed insoliti, ma anche un popolare luogo d’incontri. Concerti dal vivo e i bar dei dintorni contribuiscono a ravvivare l’atmosfera del mercatino.

Fari

La Mola a FormenteraCosa c’è di più romantico e suggestivo di un faro? Sull’isola di Formentera ne trovate ben tre. Il più antico e il più alto è il Faro di La Mola che domina una scogliera alta più di cento metri.

La sua suggestiva atmosfera da fine del mondo e la vista mozzafiato che si può godere dall’alto della scogliera fecero innamorare di questo luogo lo scrittore Jules Verne che lo menzionò nel suo libro “Ettore Servadac (viaggi e avventure attraverso il mondo solare)”.

Potete raggiungere il faro in auto, ma è molto più affascinante arrivarci a piedi attraverso un cammino segnalato (una delle rutas verde di cui vi abbiamo parlato qui sopra) che vi farà tornare indietro nel tempo, tra campi coltivati, pascoli di bestiame e una casa tradizionale perfettamente conservata.

Gli altri due fari dell’isola si trovano a Es Cap de Barbaria (che compare nel film “Lucía y el sexo”) e al porto di La Savina.

Mulini

Un’immagine iconica dell’isola di Formentera sono i suoi caratteristici mulini a vento, che da secoli svettano nel cielo azzurro dell’isola rompendo la monotonia della campagna. Solitari e nostalgici testimoni di un passato in cui l’economia si basava sull’agricoltura, questi tradizionali mulini di forma conica e con le pale di legno sono straordinari soggetti fotografici.

mulini di Formentera venivano usati esclusivamente per la trasformazione del grano in farina, tutti con la stessa struttura a tre piani di cui uno con i macchinari dedicato alla produzione della farina, un piano di mezzo dove si raccoglieva la farina e il piano più basso che fungeva da magazzino.

Furono costruiti tra la fine del Settecento e la fine del secolo successivo (cinque di questi sono ancora oggi visitabili): Molì den Mateu, Molì den Gerona, Molì di San Ferran, Molì del Tauet, Molì den Botiga e due nel pressi de La Mola.

Itinerari a piedi e in bicicletta

Uno dei modi migliori per esplorare lo splendido paesaggio naturale di Formentera, isola rimasta immune alle deturpazioni del turismo di massa, è fare un’escursione a piedi o in bicicletta.

L’amministrazione locale ha istituito 32 percorsi a piedi o in bicicletta denominati rutas verdes (percorsi verdi) con i quali si possono raggiungere a ritmo lento, soffermandosi ad ammirare il panorama ogni volta che lo si desidera, tutte le principali località dell’isola attraversando villaggi, spiagge, lagune, campi coltivati…

Durante il vostro cammino vedrete affascinanti costruzioni dell’uomo come antichi muri in pietra, mulini a vento e fari, assieme a meraviglie naturali come dune di sabbia, scogliere, boschi.

Alcuni di questi itinerari si possono percorrere sia a piedi che in bicicletta, altri sono consigliati solo ai camminatori; il più famoso di questi itinerari naturalistici è il Camì Vell de la Mola.

Isola di Espalmador

Volete ancora più tranquillità di quella che potete trovare sulla pacifica Formentera? Fuggite nella vicina isola di Espalmador, così vicina che se non fosse per le correnti si potrebbe raggiungere a nuoto.

Scegliete l’opzione sicura, ovvero arrivare in traghetto, e godetevi la pace assoluta di quest’isola disabitata, senza costruzioni e con un’area naturale protetta che farà la gioia dei birdwatchers e in generale di chi ama i paesaggi naturali selvaggi.

Vi attendono spiagge incantevoli tutte per voi, ma ricordate di portare con voi cibo e bevande perché non ci sono bar o ristoranti sull’isola.

Mappa

Cerchi un alloggio a Formentera?

Clicca qui per vedere tutte le strutture disponibili a Formentera
Mostrami i prezzi