Covid-19: si può già viaggiare in Spagna e alle Canarie!

Covid-19, si può viaggiare in Spagna?

Scopri se in questo momento è possibile visitare la Spagna, le novità sulle restrizioni di viaggio, le regole sulla quarantena e i requisiti di ingresso.
Cerca Hotel, B&B e Case vacanze

La Spagna è certamente una delle destinazioni più amate dai viaggiatori italiani, sia per chi è interessato agli aspetti culturali, sia per chi cerca relax, sia, ovviamente, per chi è alla ricerca di tanto divertimento.

In un momento difficile per tutti, con il Covid-19 che ha stravolto le nostre vite, vi farà piacere sapere che attualmente si può viaggiare liberamente in Spagna senza obbligo di quarantena. Chi proviene dall’Italia deve presentare un certificato di tampone molecolare negativo PCR (i test rapidi antigenici non sono validi).

Al rientro, dal 7 al 30 aprile 2021, è inoltre necessaria una quarantena di cinque giorni con ulteriore tampone da eseguire al termine. Si suppone che questa misura verrà rimossa dopo tale scadenza.

Sono già tantissime le persone che hanno viaggiato e stanno viaggiando verso la capitale Madrid o le sempre più ambite isole Canarie e Baleari, dove bar e ristoranti sono regolarmente aperti la sera. Le Canarie in particolare, grazie alle tante possibilità di attività all’aria aperta, vengono indicate come meta ideale per il 2021.

Anche in Spagna c’è obbligo di mascherina nelle aree pubbliche, ma il coprifuoco è molto ridotto rispetto all’Italia, permettendo una vita quasi normale.

Queste le informazioni in breve, ma per sapere quali sono tutte le regole e i requisiti per viaggiare in Spagna trovate di seguito una serie di approfondimenti e informazioni utili per viaggiare in sicurezza e serenità nonostante il Covid-19, per una vacanza senza sorprese.

Ultime notizie sulla Spagna

Covid-19 e viaggi in Spagna, aggiornamenti e situazione attuale

È consentito l’ingresso in Spagna da tutti i Paesi europei ed appartenenti allo spazio Schengen, senza obbligo di quarantena.

Vige l’obbligo di presentare un test molecolare PCR negativo effettuato nelle 72 ore antecedenti l’ingresso - per via aerea o marittima - nel Paese: la prescrizione riguarda i passeggeri provenienti da tutti i Paesi UE e tutti i Paesi extra UE tranne Australia, Nuova Zelanda, Ruanda, Singapore, Corea del Sud, Tailandia, Cina, Hong Kong e Macao.

Per l’Italia, l’obbligo riguarda i passeggeri provenienti da qualunque Regione.

Non sono ammessi i test rapidi, nemmeno per le Canarie.

Per informazioni circa i viaggi da/per le Isole Canarie si rimanda anche a questo sito.
Non sono ammessi i test rapidi.

Dal 30 marzo 2021 l’obbligo di test vige anche per chi arriva dalla Francia per via terrestre, tranne per i minori di sei anni, autotrasportatori, lavoratori frontalieri, residenti delle zone di confine in un raggio di 30 km .

Prima dell'arrivo in Spagna per via aerea o marittima è necessario anche compilare un “formulario di salute pubblica”, attraverso il sito internet spth.gob.es o la app Spain Travel Health-SPTH, ottenendo un codice QR da presentare (su dispositivo mobile o stampato) al proprio arrivo in Spagna.

Per i passeggeri che utilizzano la via marittima, attualmente il formulario può essere presentato solo in formato cartaceo, disponibile a questa pagina del Ministero della Salute: https://www.mscbs.gob.es/profesionales/saludPublica/sanidadExterior/ControlHS.htm
I viaggi non imprescindibili da Paesi extra UE sono limitati fino al 31 maggio 2021 .

In particolare, chi proviene al di fuori dell'Europa può accedere in Spagna solo se trattasi di: a) residenti abituale nell’UE, Stati associati Schengen, Andorra, Monaco, Vaticano o San Marino, e si dirigano verso il proprio Paese di residenza; b) titolari di un visto per soggiorni di larga durata rilasciato da uno Stato membro UE o Stato associato Schengen e si dirigano verso tale Paese; c) personale sanitario e professionisti dell’assistenza che si dirigano verso il proprio posto di lavoro; d) equipaggi; e) personale diplomatico; f) studenti che realizzino i propri studi negli Stati membri UE; g) lavoratori altamente qualificati, i cui compiti non possano essere posposti o realizzati a distanza, inclusi i partecipanti ad eventi sportivi di alto livello che abbiano luogo in Spagna; h) persone che viaggiano per motivi familiari inderogabili opportunamente accreditati; i) persone che accreditino ragioni di forza maggiore o situazioni di necessità; j) residenti in Australia, Nuova Zelanda, Ruanda, Singapore, Corea del Sud, Tailandia, Cina, Hong Kong e Macao purché provengano direttamente da questi Paesi, siano transitati esclusivamente in altri Paesi inclusi in suddetta lista o abbiano realizzato unicamente transiti internazionali in aeroporti situati in Paesi terzi differenti.
Fino all’11 maggio 2021 sono limitati i voli provenienti dal Brasile e dal Sudafrica.

In virtu’ di tale misura, i voli in arrivo da qualsiasi aeroporto brasiliano e sudafricano e diretti verso qualsiasi aeroporto spagnolo, con o senza scali intermedi, potranno essere effettuati solo nel caso di velivoli che trasportano esclusivamente cittadini spagnoli o andorrani, persone residenti in Spagna o Andorra oppure passeggeri in transito internazionale verso un Paese non Schengen, con scalo inferiore alle 24 ore durante le quali non è permesso uscire dalla zona transiti.

Per chi proviene da Brasile e Sudafrica, rispettando le regole di cui sopra, le Autorità spagnole hanno anche introdotto l'obbligo di isolamento fiduciario nei 10 giorni successivi all'arrivo, applicato fino al 3 maggio (in aggiunta al test molecolare PCR) anche ai passeggeri in arrivo da Botswana, Comore, Ghana, Kenya, Mozambico, Tanzania, Zambia, Zimbabwe, Peru' e Colombia.
Dal 25 ottobre 2020 al 9 maggio 2021 è in vigore in Spagna un nuovo “stato d’allarme”, in virtù del quale le Comunità Autonome (Regioni) possono adottare misure restrittive della mobilità in entrata e uscita dalle Regioni e da specifici Comuni o quartieri.

Alla luce di ciò, sono in vigore molteplici lockdown localizzati e restrizioni della mobilità nelle ore notturne.
Per ulteriori informazioni, anche sulle misure restrittive interne, si vedano il sito Ambasciata italiana a Madrid e del Consolato Generale d'Italia a Barcellona.

Ultimo aggiornamento: 07.05.2021 - informazioni tratte dal sito ufficiale del Ministero degli Esteri.

Data la situazione straordinaria causata dall'emergenza Coronavirus, le indicazioni e i requisiti per viaggiare possono cambiare spesso e con breve preavviso, consigliamo pertanto di monitorare gli aggiornamenti sul sito della Farnesina ViaggiareSicuri o sul sito della comunità Europea Re-Open, oltre che sui siti ufficiali della Spagna prima di intraprendere un viaggio.

Situazione sanitaria in Spagna

Strutture sanitarie in Spagna

La situazione sanitaria è in generale buona.

Avvertenze

Si raccomanda di stipulare prima della partenza una polizza assicurativa che preveda la copertura delle spese mediche e l’eventuale rimpatrio aereo sanitario (o il trasferimento in altro Paese) del paziente. 

Vaccinazioni obbligatorie in Spagna

Nessuna

Assicurazione di viaggio per la Spagna

A causa dei contrattempi che potrebbero sorgere per via del Coronavirus l'assicurazione di viaggio è oggi più importante che mai, anche per viaggiare in Spagna.
Fino a qualche tempo fa infatti l'assicurazione sanitaria era stipulata soprattutto da chi viaggiava fuori dall'Europa, ma oggi è imprescindibile: basti pensare a un volo perso causa tampone positivo o al rischio di ammalarsi in viaggio.

Se non disponete già di una polizza assicurativa, assicuratevi di farlo prima di prenotare un qualsiasi viaggio e prestate attenzione alle condizioni. Per aiutarvi nella scelta abbiamo creato una pagina dedicata che confronta le più importanti assicurazioni di viaggio.

Come viaggiare sicuri in Spagna

Igiene

Lavate spesso le mani con acqua e sapone o in alternativa con gel disinfettante.
Quando tossite o starnutite coprire la bocca e il naso con fazzoletti monouso o, se sprovvisti, fatelo nell'avambraccio. Evitate di toccare occhi, naso e bocca con mani non igienizzate.

Distanza

Mantenete sempre una distanza di almeno 1,5 metri con le persone non conviventi ed evitate gli assembramenti.

Mascherina

Usate sempre la mascherina sui mezzi pubblici e in luoghi al chiuso, anche quando la distanza è superiore a 1,5 metri.

Biglietti online

Utilizzare il più possibile i biglietti elettronici sia sui mezzi di trasporto che quando visitate un'attrazione. Prenotare online i biglietti spesso vi consente oltretutto di risparmiare.

Siti ufficiali istituzioni italiane

Siti utili spagnoli

Canarie